Ciclo "UNO SGUARDO SULL'INCISIONE" - Il Novecento - con Patrizia Foglia

Ciclo “UNO SGUARDO SULL’INCISIONE” – Il Novecento – con Patrizia Foglia

Incisioni del Novecento. Preludi di fine Ottocento e avanguardie. Centri, scuole, artisti, valori di mercato.
Orario
Martedì ore 17-20
Date
PARTENZA gennaio 2021
Docente
Patrizia Foglia
Livello Cicli tematici
2 moduli da 3 incontri – 9 ore ciascunoFrequenza mono settimanale di 3 ore
I corsi saranno attivati con un minimo di 8 iscrizioni e chiusi con un tetto massimo di 15

Una NUOVA proposta didattica volta alla scoperta di una disciplina tra le più praticate nei secoli, uno dei bacini più ricchi di fonti storiche e paradossalmente tra le meno studiate

Ciclo UNO SGUARDO SULL’INCISIONE

  1. La Veduta Incisa. Dal XVI secolo a fine Ottocento (3 incontri – 9 ore)

  2. Incisioni del Novecento. Preludi di fine Ottocento e avanguardie (3 incontri – 9 ore)

2. Il Novecento
Centri, scuole, artisti, valori di mercato

Il seminario si concentrerà sugli aspetti più significativi e rilevanti della storia dell’incisione novecentesca, con particolare riferimento ai preludi di fine Ottocento, alle avanguardie, dai fauves ai cubisti, dall’espressionismo sino all’astrazione, al surrealismo e a tutte le tendenze post-espressioniste.

Saranno indagate inoltre le innovazioni tecniche prodotte a livello tecnologico sia nel campo della grafica d’arte sia in quello dell’illustrazione e della pubblicità, campi di interesse primari nel Novecento.

Altro spunto di approfondimento sarà quello del rapporto tra letteratura e stampa d’arte, iniziato già nella seconda metà dell’Ottocento e affermatosi sempre più nel corso del XX secolo. Ne furono artefici gli esponenti delle avanguardie letterarie ed artistiche, in un binomio strettissimo tra ideazione del testo e sua rappresentazione grafica, unite da un unico momento creativo. Ecco dunque la nascita del livre de peintre o livre d’artiste, in cui si specializzano alcuni importanti editori parigini, come ad esempio Vollard. Esempi significativi sono quelli di Picasso, Derain, Léger, solo per citare alcuni artisti. Così affermava Matisse “Non vedo differenza tra la costruzione di un libro e quella di un quadro”. Questa produzione ha accompagnato tutti il Novecento, sino alle grandi opere di artisti quali De Chirico, Carrà, De Pisis, alle tavole di Renzo Vespignani, Guttuso, Vedova.

Le tecniche grafiche furono alquanto apprezzate dagli esponenti delle avanguardie, come mezzo privilegiato di diffusione di motivi e idee, di circolazione di nuovi temi figurativi e non, in un tessuto sociale ormai sempre più ampio e articolato. L’apporto delle avanguardie alla storia dell’incisione sarà oggetto del primo incontro del seminario.

Il seminario è articolato in tre incontri (3 ore ciascuno), 1 incontro fuori sede per la visione diretta dei materiali oggetto di studio (galleria o collezione pubblica) oppure la visita ad una esposizione a tema.

PROGRAMMA

Primo incontro
Le avanguardie e la grafica
Grafica, letteratura, illustrazione

L’incontro illustrerà temi e protagonisti delle avanguardie storiche del novecento, con particolare riguardo al rapporto tra queste ultime e le tecniche incisorie. Parigi all’inizio del secolo era ancora la capitale dell’arte e qui nacquero alcuni tra i più importanti movimenti artistici di innovazione. Significativo fu l’apporto degli stampatori nel processo di affermazione di queste forme di espressione artistica, apporto che si protrarrà sino agli anni Ottanta del Novecento (anche in ambito italiano). Verrà affrontato anche il ruolo che la grafica ha avuto nel testimoniare alcuni tragici eventi della storia europea del Novecento, primo fra tutti il primo conflitto mondiale. Il XX secolo è stato anche il secolo delle sperimentazioni tecniche, con l’adozione di nuovi materiali, ma anche le tecniche tradizionali, prime fra tutte acquaforte e litografia, hanno avuto grande diffusione e fortuna. Questi i principali argomenti: Fauves, Matisse, Rouault, il cubismo, la grafica di Pablo Picasso, gli espressionisti tedeschi e la silografia, astrattisti, surrealisti e postimpressinisti. Particolare interesse sarà rivolto alla figura di Khate Kollwitz.

Secondo incontro
La Seconda guerra mondiale e il periodo post-bellico. L’apporto italiano

Saranno presentati i protagonisti della stagione artistica italiana, da Corrente sino agli artisti del neorealismo. Un particolare interesse sarà rivolto a Loranto Viani, Renzo Vespignani, Luigi Bartolini, Giorgio Morandi, Gianfranco Ferroni.

Terzo incontro
Tecniche innovative. Il valore della grafica moderna e contemporanea.