STIMA E VALUTAZIONE DEGLI OGGETTI D'ARTE

STIMA E VALUTAZIONE DEGLI OGGETTI D’ARTE

Per la definizione di una stima ottimale dell’oggetto d’arte antico, moderno e contemporaneo
Orario
14-16.45
Date
Partenza 27 marzo
Docente
Luca Melegati
Livello
Impostazione Intersettoriale - 21 ore
I corsi saranno attivati con un minimo di 8 iscrizioni e chiusi con un tetto massimo di 15. Contattare la segreteria per comunicare orario e giorno favorevole.

Programma

Il progetto è volto a fornire gli strumenti utili non solo alla definizione di una stima ottimale dell’oggetto d’arte (qualità, rarità, provenienza, stato di conservazione) ma anche di capire quali possono essere le possibili reazioni del mercato alla stima proposta, individuando le variabili prevedibili, ad esempio il cambio delle mode, i meccanismi del collezionismo o le tensioni economiche nei bacini d’utenza. Lo strumento principe è seguire la casistica nota delle case d’aste, che per il loro ruolo di “notai”  del mercato possono fornire gli spunti più interessanti agli studenti (ma non si tralascerà, soprattutto per l’arte moderna e contemporanea, l’attività mercantile delle gallerie).
L’impianto del corso prevede una parte teorica e una parte pratica, realizzata illustrando una serie di casi concreti.
In collaborazione con uno specialista del mercato di arte moderna e contemporanea.
Introduzione teorica alle problematiche del corso, descrizione degli attori attivi sul mercato:

Elementi costitutivi della stima di una opera
a)   rarità
b)   provenienza
c)   stato di conservazione
d)   tendenze del gusto
e)   situazione del mercato.

Analisi della casistica conosciuta nei seguenti ambiti:
a)   pittura antica
b)   oggetti d’arte
c)   arredi e varie.