Mobili Italiani 2

Mobili Italiani 2

TRA NEOCLASSICISMO ED ECLETTISMO
Caratteristiche e valutazione dei rilievi storico-artistico e tecnico-strutturali che determinano le qualità estetiche e la stima commerciale, con laboratorio di diagnostica e problemi di restauro.
Orario
lunedì 17.15-20.15
Date
Partenza Ottobre/Novembre 2015
Fine Giugno 2016
Docente
Giuseppe Beretti
Livello
Specializzazione – due annualità da 130 ore
I corsi saranno attivati con un minimo di 8 iscrizioni e chiusi con un tetto massimo di 15

Programma

Il corso verte sulla storia del mobile in Italia tra Settecento e Ottocento fino a lambire l’Eclettismo. La didattica è impostata sull’analisi stilistica sottolineando le peculiarità regionalistiche di produzione nonché le differenze costruttive, di intaglio, di essenze e ferramenta utilizzate. Obiettivo del corso è non solo fornire gli strumenti per inquadrare il mobile in un arco temporale e un’area geografica precisa ma anche saper riconoscere manomissioni, sostituzioni, sposalizi e distinguere l’autentico dal falso.
In aula tramite immagine proiettata si affronta l’aspetto storico-artistico esaminando le peculiarità stilistiche proprie di ogni luogo di produzione designando un criterio di classificazione e caratterizzazione regionalistica che consenta di fissare un’attribuzione, di individuare un arco temporale specifico nonché di formulare una costruzione ragionata del valore di stima.
Contestualmente in ambito diagnostico si affronta l’analisi del mobile dal vivo prendendo in esame le caratteristiche costruttive di ogni regione (o città quando possibile) nonché le tipologie di essenze utilizzate in base alle diverse zone geografiche. Anche la ferramenta, dalle maniglie alle applicazioni in bronzo e soprattutto ai chiodi ecc., è indicatore importante non solo per le questioni attributive e cronologiche ma anche per ciò che concerne manomissioni, problematiche inerenti il restauro e l’autenticità.
Il corso ha durata biennale con la frequenza di una volta la settimana tre ore, al termine del quale, previo superamento dell’esame finale, i diplomati hanno diritto all’iscrizione presso il Collegio Lombardo Periti Esperti Consulenti in qualità di Consulenti Tecnici nel settore in di pertinenza.

Milano
Il 1771 e gli anni settanta
La Nuova Maniera
I protagonisti: Giocondo Albertolli, Giuseppe Levati, Agostino Gerli e Giuseppe Maggiolini
L’Epoca napoleonica
Torino
La corte e la Francia
Bonzanigo e gli altri protagonisti
Genova
De Wailly, Tagliafichie e i Cantoni
Venezia e l’entroterra
Una città in declino e la rinascita del Lombardo Veneto
Parma
Parma e la Francia
Bologna e gli altri centri emiliani
Firenze
La corte tra Vienna e Parigi
La corte napoleonica
Lucca, Siena e gli altri centri toscani
Roma
La Roma del Grand Tour e Piranesi
I protagonisti del mobile
Napoli e il regno delle due Sicilie
La corte e i protagonisti della decorazione