Mobili europei 2

Mobili europei 2

IL MOBILE IN ITALIA E IN EUROPA TRA IL 1770 E IL 1850
Orario
da definire in base alle richieste
Date
Partenza Ottobre/Novembre 2017
Docenti Livello
Formazione - 105 ore
frequenza mono settimanale di 3 ore
I corsi saranno attivati con un minimo di 8 iscrizioni e chiusi con un tetto massimo di 15

Programma in corso di aggiornamento

FRANCIA 1. Lo stile “Transizione” e le anticipazioni neoclassiche di Jean François Oeben, Jean-Henri Riesener. 2. Lo stile “Luigi XVI”: Carlin, Weisweiler, Boudin, Saunier, Topino. 3. La nascita del “gusto neoclassico” in Francia e in Italia: la riscoperta dell’”antico” 4. Il Direttorio e l’Impero in Francia: Georges Jacob, Jacob Freres, Jacob Desmalter, Guillaume Biennais, Percier et Fontaine ITALIA 5. L’ Emilia e il Ducato di Parma: Ennemond Petitot; l’arte della tarsia a Rolo 6. I trattati di ornato di Giocondo Albertolli e il neoclassicismo in Lombardia 7. La bottega di Giuseppe Maggiolini e la sua influenza sul mobile neoclassico lombardo 8. Veneto: il perdurare del mobile laccato e il mobile in noce neoclassico 9. Piemonte: Giuseppe Maria Bonzanigo, il trionfo dell’intaglio Genova: il trionfo dell’intarsio. 10. Pietro Leopoldo e la Corte Lorenese. Ferdinando III: primo periodo lorenese; Luisa Baciocchi, Jean-Baptiste Youf, Socci il “Magazzino di Mobilia” 11. Roma, Piranesi e il mobile neoclassico romano, 12. Napoli: Ferdinado IV- Gioacchino e Carolina Murat, il ritorno di Ferdinando I a Napoli INGHILTERRA 13. La seconda metà del secolo: Sheraton, Adam, Hepplewhite e “pattern-books” 14. Lo stile “Regency”, Thomas Hope. Il mobile Vittoriano 15. Lo stile “Arts and Crafts” FRANCIA – AUSTRIA 16. Il mobile “Biedermeier”in Austria 17. Lo stile “Carlo X”- lo stile “Luigi Filippo”- lo stile “Napoleone III” in Francia. ITALIA 18. La corte di Maria Luigia a Parma Il mobile veneto e le influenze di Giuseppe Borsato 19. La corte sabauda a Torino: Pelagio Palagi, Gabriele Capello detto il Moncalvo La corte sabauda a Genova: Enrico Peters; la produzione di sedie a Chiavari 20. Agostino Fantastici a Siena. La riscoperta del Rinascimento: la tarsia dei fratelli Falcini, l’intaglio di Barbetti, Frullini, Gajani a Firenze.

PROGRAMMA DI DIAGNOSTICA DEL MOBILE IN ITALIA E IN EUROPA 1770-1850 1. Francia: Transizione e Luigi XVI. Tipologie di mobili, legni usati, tecnica di costruzione, ferramenta. 2. Francia: Direttorio e Impero. Mobili semplici, lineari, grande impiego di radiche, costruzione e bronzi. Esempi. 3. Italia: Neoclassico lombardo. L’eccellenza dell’intarsio di Giuseppe Maggiolini. Disegni, essenze usate, tecniche di costruzione. Diapositive. 4. Italia: mobili regionali dell’Italia settentrionale: Veneto, Piemonte e Liguria. Comparazioni, analogie e differenze. Legni usati, costruzione, intarsi, intagli, laccature, dorature. 5. Italia:.il mobile impero nelle varie regioni italiane. Emilia , Roma, Napoli. Tipologie, differenze. Legni usati, costruzione, intarsi, intagli, laccature, dorature. Questionario. 6. Inghilterra: la mobilia dello stile: Sheraton, Adam, Hepplewhite, Regency. Legni usati, costruzione, ferramenta. Differenze dal mobile vittoriano. 7. La ferramenta: serrature, maniglie, bronzi e fregi nelle varie epoche. Differenze fra autenticità e imitazione. 8. Francia: lo stile Carlo X – Luigi Filippo – Napoleone III. Legni usati, costruzione, ferramenta. 9. Austria: il mobile “Biedermeier” e gli arredi Thonet, rivoluzione della tecnica costruttiva della mobilia. 10. Il restauro del mobile. Materiali usati (colla, gommalacca, cera etc.) Definizione di patina. Valutazione di arredi antichi. Che cosa si intende per valutazione commerciale. Diapositive. 11. Italia: il mobile dell’ottocento. Torino – Gabriele Capello, Genova – Enrico Peters. Definizione di ‘chiavarina’. Diapositive. Questionario. 12. Trasformazioni, imitazioni, sposalizi: tecniche per riconoscerli. Esempi e diapositive. 13. Italia: eccellenze nella tarsia: i fratelli Falcini (Firenze) –i fratelli Pogliani (Milano). Diapositive. 14. Italia: i mobili della seconda metà dell’800. Neorinascimento – Storicismo – Eccletismo. Tecniche costruttive industriali, materiali usati. Diapositive. 15. Riepilogo: Ripasso generale con approfondimento su argomenti a richiesta. Questionario. LEZIONI ESTERNE DA DEFINIRE: • Esposizioni case d’asta; Mostre mercato Milano – Bergamo – Brescia – Modena; Musei.

pdf_programma mobili europei 2